Feeds:
Articoli
Commenti

Posts Tagged ‘Pay-Buy-Mobile’

MOBILE PAYMENT: la rivoluzione è nel cellulare ?

La domanda appare “topica” (qui intesa non già nell’accezione familiare di “gaffe”, bensì nella retorica classica, quale teoria della ricerca e dell’utilizzo di luoghi comuni per lo sviluppo di un discorso o di un ragionamento).

E in effetti, di “sviluppo” è d’obbligo parlare, quando ci si riferisce alla tematica m-Payment (nelle declinazioni Mobile Remote Payment e Mobile Proximity Payment), uno sviluppo, per l’Italia tuttora in fase embrionale, che la SoM, la Business School del Politecnico di Milano, ha monitorato tramite uno specifico Osservatorio, sia sul lato dell’offerta che della domanda.

I LAVORI DELL’OSSERVATORIO (2008-2009)

Il Rapporto 2009 (ai cui lavori ho offerto un mio personale contributo), presenta i risultati di una ricerca condotta nel corso del 2008, basata su oltre 40 studi di caso dei principali attori di questo mercato, sull’analisi di circa 62 servizi e una survey su 1.500 individui adulti, rappresentativi dell’utenza di telefonia mobile in Italia.

L’analisi di tali dati, ha permesso di delineare una cornice, nella quale emergono alcune rilevanti considerazioni (e constatazioni):

Fronte offerta

  • Scarseggiano in Italia le proposte di servizi Mobile Remote Payment, mentre sono pressoché assenti i servizi di Mobile Proximity Payment (eccezion fatta per alcune importanti sperimentazioni e progetti pilota).
  • Per quanto attiene Mobile Remote Payment, si evidenziano nella ricerca, due comparti decisamente attivi, che ben evidenziano come alcune caratteristiche, quali l’acquisto in mobilità e quello d’impulso, trovano nel canale mobile la propria abilitazione tecnologica:
    • trasporti (di persone);
    • entertainment.
  • Per ciò che concerne Mobile Proximity Payment, l’analisi condotta, porta ad osservare alcuni trials basati sull’impiego di soluzioni NFC, pur mettendo in evidenza un fattore inibitore/abilitante relativo alla diffusione (ad oggi tutt’altro che pervasiva) della tecnologia c-less sia presso i telefoni cellulari, sia a livello di terminali POS.

Nota personale:
a questo riguardo, mi corre l’obbligo di ricordare quanto più volte (in occasione dei diversi eventi cui ho l’opportunità di partecipare), ho avuto modo di affermare, non senza il vezzo provocatorio che gli amici (e non solo quelli) mi riconoscono:

“Che me ne faccio di un telefonino NFC se non trovo un Punto di Interazione nell’arco di 100 Km ?

Provocazione:
Q.: Se ogni POS fosse dotato di tecnologia NFC, potrei essere più soddisfatto ?
A.: e se ogni telefonino fosse un POS …?

Fronte domanda

  • Su un campione di 1.500 intervistati, rappresentativi di un potenziale di quasi 50.000.000 di utenti di telefonia mobile nel nostro Paese, solo poco meno del 1% hanno effettuato pagamenti in mobilità; ciò ha permesso anche di evidenziare, quale enorme potenziale di crescita caratterizza l’intero comparto
  • La survey ha consentito un’analisi di dettaglio de:
    • le motivazioni alla base del “non utilizzo”;
    • la “non sicurezza” percepita dall’utilizzatore;
    • le caratteristiche socio-demografiche dei potenziali consumatori;
    • i settori che potrebbero maggiormente trainare lo sviluppo del Mobile Payment.

Ma ritorniamo alla domanda iniziale: <<La rivoluzione è nel cellulare ?>>

Forse sarebbe più appropriato parlare di “evoluzione”, poiché appare evidente come, allo stato attuale, si possa

(altro…)

Annunci

Read Full Post »

POST UPDATE ON 22/3/2013

Nuovo appuntamento formativo con Roberto Garavaglia:

  • Milano – 14 maggio 2013
    Mobile Wallet & Mobile POS
    (IIR – Istituto Internazionale di Ricerca)

Read Full Post »

Il 9 Marzo 2009, nell’ambito dell’evento Planet Card 2009 organizzato da
IIR Istituto Internazionale di Ricerca, si è tenuto a Milano il Workshop PAYMENT INSTITUTIONS.

 
A tutti coloro che vi hanno partecipato, voglio esprimere il mio ringraziamento e l’auspicio che quanto ho cercato di condividere (con la passione e la perseveranza di sempre), sia stato utile e profittevole, e che quanto appreso possa essere per ognuno, non già l’approdo finale di un percorso formativo, bensì il punto di partenza per un’ulteriore crescita professionale.

(altro…)

Read Full Post »

Tranquilli, non è un articolo di ispirazione freudiana !

Il SE (puntato) di cui vi voglio parlare è il Security Element.

Avrete certamente inteso che mi sto riferendo al tema Mobile Finance, di cui voglio in questa sede parlare.
Partirò da uno degli elementi tecnologici più importanti che abilita l’erogazione di quei servizi in mobilità, dei quali, per ragioni di semplicità, mi limiterò a considerare la sola declinazione m-Payment (in realtà, i ragionamenti e le analisi che condurremo, possono liberamente applicarsi al più ampio spettro dei Mobile Finance Services).

In particolare, vorrò porre l’attenzione su alcuni aspetti che impattano pesantemente le strategie di sviluppo dei servizi in mobilità, e che vedono nel luogo di installazione del SE, nella gestione del medesimo e nella gestione/personalizzazione delle applicazioni in esso ospitate, uno dei temi maggiormente condizionanti.

(altro…)

Read Full Post »

La passione per l’enigmistica classica (lo ammetto) influenza determinatamente molte delle mie proposizioni, tuttavia in questo caso, l’anagramma M-PESA, da cui più facilmente potrebbe letteralmente derivare ciò che vorrò
chiamare m-SEPA, ha ben poco a che spartire con i contenuti di questo articolo (parlerò dell’iniziativa di mobile money transfer Keniota – M-PESA appunto – in altri contesti). 

Con m-SEPA intendo riferire a quello scenario che, nell’Area Unica dei Pagamenti Europei, va delineandosi sempre più con maggiore nitidezza di intenti, obiettivi e strategie: il Mobile Payment.

E’ ormai noto come Comunità Europea ed EPC (European Payments Council, l’organo decisionale e di coordinamento per la creazione della SEPA), unitamente alla GSMA (GSM Association, l’associazione maggiormente rappresentativa di Mobile Operators e GSM Supplier&Manufacturer), abbiano voluto imprimere un’accelerazione nello sviluppo del mercato m-Payment, tracciando un percorso improntato alla cooperazione cross-industry (annuncio del 30 Giugno 2008).

L’intento che traspare sotto la dicitura “cross-industry“, sostanzia una volontà di “accordare” le differenti istanze di due soggetti, banche e TELCO, che insieme coopereranno per supportare la nascita di un ecosistema Europeo, in cui possa svilupparsi un business atteso pervasivo.

(altro…)

Read Full Post »